Torna alla Home Page
SEND THIS ECARD
HOME PAGE > DELIRI MISTERIOSI
RENNES LE CHATEAU
e il Sacro Graal

Rennes le Chateau è un paesino dell’Aude, nei Pirenei francesi. Al suo centro, una chiesa di campagna che poco più di un secolo fa stava cadendo a pezzi. Il parroco che decise di restaurarla si chiamava François-Bèrenger Saunière: quella decisione, che cambiò la vita di molte persone, a cominciare dalla sua, ha dato il via ad uno dei più complessi e impenetrabili misteri della Storia di tutti i tempi. I quasi 200 abitanti che la abitano, convivono con una folla di domande… la prima delle quali non può essere che questa: E’ davvero possibile che in un solo luogo si concentrino, secolo dopo secolo, così tanti enigmi?

Rennes Le Chateau a Vojager

SEND THIS ECARD
 

Mistero di un simbolo sfuggente, che da sempre ha infiammato i cuori di mistici e poeti, storici ed esoterici. Il fascino esercitato dal Graal rimane inalterato nel tempo, come dimostra lo straordinario successo del tanto dibattuto romanzo di Dan Brown, Il Codice Da Vinci.

Merito di una trama avvincente, il cui ritmo serrato riesce a tenere il lettore inchiodato fino all'ultima pagina. Certo, ma non solo. La vera peculiarità del romanzo di Brown è la decisa rottura con la tradizione che individua nel Graal il sacro calice usato da Gesù Cristo durante l'ultima cena e nel quale Giuseppe d'Arimatea avrebbe raccolto il sangue di Cristo crocefisso. Tra loschi intrighi e cospirazioni internazionali, Brown introduce una visione eterodossa della vita di Cristo, la cui presunta discendenza, perseguitata dalla Chiesa e protetta prima dai Cavalieri Templari e, in seguito, da una misteriosa organizzazione chiamata Priorato di Sion, avrebbe dato luogo alla dinastia francese dei Merovingi. Nel Santo Graal, quindi, non andrebbe ravvisato alcun oggetto, bensì un concetto che dovrebbe la sua radice etimologica a sang réal che, in francese antico significa “sangue, stirpe reale”, proprio in riferimento al lignaggio di Gesù stesso.
Un'ipotesi ardita e controcorrente che, però, non è frutto esclusivo della fantasia di un abile romanziere, ma che affonda le sue radici nella teoria di tre coraggiosi ricercatori: Henry Lincoln, Richard Leight e Michael Baigent, autori del fortunato saggio Il Santo Graal. Una catena di misteri lunga duemila anni.

Bérenger Saunière nel 1885 divenne parroco di Rennes-le-Chateau, un minuscolo paesino francese sui Pirenei, i cui legami con il Graal sono stati recentemente analizzati da Giorgio Baietti nel suo intrigante L'enigma di Rennes le Chateau. Il libro si concentra proprio sulla figura di Saunière (quello vero) che, decifrando l'enigmatico messaggio contenuto in alcune pergamene rinvenute all'interno della chiesa parrocchiale dedicata alla Maddalena, da umile curato di campagna, si trasforma in un personaggio potente e ricchissimo, al punto da sfidare senza timore lo stesso Vaticano. Ma in cosa consisteva la fonte di tanta ricchezza? Secondo gli autori di Il Santo Graal le pergamene avrebbero indicato uno sconvolgente messaggio in codice: Gesù non sarebbe morto sulla croce, ma avrebbe sposato Maddalena dando così luogo ad una discendenza. La prova di tutto questo si troverebbe proprio a Rennes le Chateau. Con un documento del genere tra le mani, Saunière avrebbe quindi potuto facilmente ricattare il Vaticano, garantendosi un tenore di vita sempre più ricco e agiato.

Teoria accattivante, considerato che – come ci spiega lo stesso Giorgio Baietti – “questo semplice parroco ha accumulato una ricchezza valutata in 30 miliardi di vecchie lire e, anche considerando le accuse di simonia che gli vennero mosse dal Vescovo di Carcassonne, sfido qualunque curato a raccogliere una fortuna del genere vendendo messe.”
“Certamente – incalza Baietti - Bèrenger Saunière possedeva o custodiva qualcosa di talmente prezioso da non potersene separare, tant'è che, anche durante i periodi più difficili della sua vita, non si allontanò mai da Rennes le Chateau. Lì fece innalzare la Tour Magdala, tributo a Maddalena e suo rifugio personale, e la lussuosa Villa Bethania, che ospiterà addirittura l'arciduca Giovanni Salvatore d'Asburgo. È sufficiente pensare a un personaggio di quel calibro che parte da Vienna, attraversa mezza Europa per andare a cena dal parroco di un paesino di campagna, per comprendere l'enorme potere di quell'uomo.” Di qualunque cosa si tratti, quindi, Rennes le Chateau nasconde un grande segreto che sembra coinvolgere anche i misteriosi Cavalieri Templari, la cui influenza nel paese è ben rappresentata dal castello di Bezu, caposaldo dei Templari, stranamente risparmiato durante la crociata condotta da Filippo il Bello nel 1307.
È innegabile: l'argomento è straordinariamente affascinante, e trova continui rimandi nei testi. Persino Umberto Eco, in apertura del decimo capitolo del Pendolo di Foucault, trova modo di citare l'enigmatica frase divenuta simbolo di Rennes le Chateau: “Et in arcadia ego”. Non stupisce quindi che l'incanto di questo luogo attiri ogni anno centinaia di turisti e di ricercatori, anche se, come sostiene Baietti “Rennes le Chateau è un luogo straordinario per cui, ancor più che svelarne il segreto, è affascinante sapere che esiste”.

Non meno intriganti e misteriose sono però le cosiddette interpretazioni tradizionali del Santo Graal, simbolo mistico dell'armonia tra l'uomo e Dio, che si ritrova in numerosissimi poemi antichi, ognuno dei quali intimamente influenzato dalla cultura che lo ha fatto proprio. Nonostante sia impossibile identificare una fonte univoca che abbia determinato la nascita del mito del Graal, si può invece determinare il momento esatto in cui il termine “graal” è apparso per la prima volta nella letteratura europea. Sul finire del XII secolo, sarà il grande poeta francese Chrétien de Troyes, con il suo romanzo incompiuto Perceval (che oggi si può leggere nella raccolta di cinque volumi, I romanzi cortesi) a darci la più antica attestazione del termine nelle letterature europee e sarà ancora Chrétien a unire per primo l'elemento religioso del Graal con l'avventura fantastica. Per il ciclo del Graal è fondamentale anche il poema del tedesco Wolfram von Eschenbach, Parzival, scritto tra il 1200 e il 1210, fonte ispiratrice, tra l'altro, del Parsifal wagneriano. Il tema principale di questi due componimenti, che identificano il Graal con una coppa dai grandi poteri, la cui conquista incarna il lento e faticoso cammino verso una realizzazione totale della fede in Dio, è ben presente anche nella cultura celtica, e rappresenta uno dei temi al centro dei romanzi arturiani. Tra le più recenti riletture del ciclo arturiano, ricordiamo il volume di Laura Mancinelli, I tre cavalieri del Graal, nel quale il racconto delle imprese cavalleresche si intreccia abilmente con le raffinate atmosfere di corte. Caratterizzati da uno stile scorrevole e intrigante sono i romanzi di Jean Markale, autore anche dell'importante saggio Il Graal, nel quale confronta i risultati delle sue moderne indagini con quanto affermato sul Graal nei documenti medievali e ne sviluppa interessanti parallelismi. Nel suo ciclo Il mistero del Graal, Markale ripropone invece gli episodi relativi alla grande epoca arturiana così come veniva presentata nei testi redatti fino al XV secolo. Vi si trovano vicende conosciute e altre meno note, in un corpus che sorprende per la piacevole fusione di elementi pagani e cristiani. Un'altra saga degna di nota è quella di Bernard Cornwell che, con il suo ciclo Excalibur, intreccia storia e fantasia per calare il lettore nell'avvincente epopea del Medioevo celtico.
A questo punto non c'è dubbio: la queste del Graal continua e il Graal continua a eludere la ricerca assumendo forme diverse e dando luogo e diverse interpretazioni. Nessuna teoria ne ha dischiuso fino in fondo il mistero. Forse contengono tutte una parte di verità, oppure no, ma forse non ha una grande importanza, perché il suo fascino straordinario risiede proprio nel suo valore di simbolo universale, capace di attraversare la storia e le diverse culture.

Del resto, come dice Piergiorgio Odifreddi nel suo Il vangelo secondo la scienza “Che cosa sia il Santo Graal si sa: è qualcosa di cui non si sa né cosa sia, ne se ci sia”.

IL MONTE BUGARACH
Il mortale segreto di Bugarach è legato a Rennes-le-Chateau

Volete avvicinarvi a questi temi in modo più leggero e ludico? Vi consigliamo di giocare a Gabriel Knight 3.

Gabriel Knight 3 è semplicemente IL gioco da comprare se siete appassionati di avventure grafiche. Non solo la trama è splendida e gli enigmi realizzati in maniera egregia, ma tutta l'atmosfera "prende" in maniera incredibile, tanto da lasciare un'incredibile tristezza al momento della conclusione del gioco. Intrighi, esoterismo, religione, blasfemia, sesso... niente è stato lasciato fuori da questo titolo. Vi prenderà semplicemente per la gola e non potrete più lasciarlo. Provare per credere.







SEND THIS ECARD

Lascia il tuo commento:




POTREBBERO PIACERTI ANCHE QUESTI




CERCA SU RIVELAZIONI



TRANSLATE IN YOUR LANGUAGE




I + DIVERTENTI

VIDEO RIVELAZIONI
Selezione accuratissima dei migliori video che divertono e stupiscono in tutto il mondo

CARTOLINE ANIMATE
Manda una divertente cartolina animata e musicale per ogni occasione!

IMMAGINI CURIOSE
La più grande raccolta delle foto più spettacolari e incredibili.

IMMAGINI ANIMATE
Più di 10.000 immagini tra le più belle e divertenti di tutto il web!

GIOCHI
Selezione dei migliori giochi da giocare online.

TROPPO FORTE BELLA QUESTA
Uno spazio esilarante pieno di storielle divertenti!!

I + INTERESSANTI

VIAGGI E DESTINAZIONI
Selezione dei luoghi più unici, inusuali, spettacolari, magici e misteriosi, in tutto il mondo

RIFLESSIONI
Una rubrica che fa riflettere, caldamente consigliata.

AFORISMI E CITAZIONI
Un archivio immenso di parole e frasi utili per ogni occasione

PERSONAGGI
I personaggi Rivelazioni nostri amici

LUNGOMETRAGGI
Animazioni spettacolari, tutte da vedere rigorosamente online.

TEST RIVELAZIONI
I test più divertenti, seri e semiseri, da fare da soli o in compagnia

I + UTILI

OROSCOPO
Oroscopo aggiornato ogni giorno

WEBCAM
Osserva in tempo reale i luoghi più interessanti di Italia e del mondo.

RIMANERE GIOVANI
Consigli pratici su come rimanere in forma e sempre giovani, Virtual Trainer e tanto altro

I QUOTIDIANI DI OGGI
Tutti i link ai principali quotidiani nazionali e locali

CORSI ONLINE GRATIS
Raccolta dei migliori video-corsi gratis presenti su Internet

I + DELIRANTI

DELIRI SPAVENTOSI
Manda uno scherzo ai tuoi amici, si divertiranno un sacco!

DELIRI UTILI
Raccolta di animazioni, giochi e programmi utili e divertenti

DELIRI INUTILI
L'apoteosi dell'inutilità la trovi solo su Rivelazioni.com

DELIRI MAGICI
Divertenti illusioni e magie per stupirti e stupire i tuoi amici.

DELIRI MISTERIOSI
Cose strane dal mondo...

NON CI POSSO CREDERE
Le stranezze più incredibili del mondo

Iscriviti alla Newsletter   Contatto