Lasciate perdere tutti gli aforismi e libri che sono stati scritti di recente sul tema dell’amicizia. Non servono. Leggete invece  questo breve percorso tratto dal libro IX e X dell’Etica Nicomachea di ARISTOTELE,  l’unico che ha saputo sintetizzare perfettamente le tre dinamiche fondamentali sull’amicizia: buona, utile o piacevole:

1. L’amicizia è necessaria

L’amicizia è una virtù indispensabile all’uomo: nessuno sceglierebbe di vivere senza amici, anche se possedesse tutti gli altri beni. Gli amici sono necessari nella prosperità come nel bisogno, nella giovinezza come nella vecchiaia, nella vita privata come nella vita pubblica. Gli amici sono il più grande dei beni esterni. L’uomo è portato per natura a vivere con gli altri e a crearsi amici. All’uomo felice non servono amici utili o piacevoli, perchè ha già i beni che da questi potrebbero venire, ha invece bisogno di amici buoni, cui donarsi, con i quali condividere i discorsi e il pensiero.

2. I tre generi di amicizia

L’uomo ama ciò che è degno di essere amato: cioè ciò che è buono o utile o piacevole: da questi tre oggetti derivano le tre specie di amicizia.. L’amicizia non è solo una benevolenza reciproca, ma una una benevolenza di cui si è consapevoli, una benevolenza che si sceglie. L’amicizia fondata sul piacere o sull’utilità è solo momentanea: se l’amico non provoca più utile o piacere, l’amicizia viene meno. Questo genere di amicizie è quindi molto debole.

3. L’amicizia perfetta

L’amicizia perfetta è solo quella tra persone buone, simili nella loro virtù. In questo genere di amicizia, ognuno dei due vuole il bene dell’altro. L’uomo virtuoso è anche utile e piacevole, però l’utilità è il piacere non sono il fondamento dell’amicizia. L’amicizia fondata sulla virtù è stabile, permanente, è tuttavia molto più rara degli altri generi di amicizia, perchè gli uomini virtuosi, gli uomini buoni, non sono tanti. L’amicizia richiede tempo e consuetudine nella condivisione: il desiderio di diventare amici può nascere velocemente, l’amicizia si forma però con maggiore lentezza.

4. Caratteri delle diverse forme di amicizia

L’amicizia che stringono tra loro gli uomini buoni è perfetta, è stabile come la virtù, e non può essere rovinata dalle calunnie di altre persone. (Difficilmente si presta fede a chi parla male dell’amico che da tempo conosciamo). Gli altri due tipi di amicizia presentano solo una certa somiglianza con questa e sono quindi meno duraturi. L’amicizia motivata dall’utile viene meno quando viene meno l’utile, l’amicizia motivata dal piacere viene meno quando viene meno il piacere. Solo gli uomini buoni possono essere veramente amici: gli uomini cattivi possono essere amici solo in modo limitato, in quanto vivono le loro relazioni avendo come fine l’utile o il piacere. Gli amici desiderano la comunione di vita e non si addice tra gli amici una vita solitaria, isolata. Il vivere insieme è possibile solo se si condividono interessi e gusti, e questo avviene solo negli uomini buoni. L’amicizia non è uno stato d’animo passeggero ma è una scelta libera, consapevole e duratura.

5. Il numero degli amici

Moltissime possono essere le amicizie fondate sul piacere e sull’utile, poche invece quelle fondate sul bene, perchè pochi uomini sono virtuosi. L’amicizia fondata sul piacere è tipica dei giovani, l’amicizia fondata sull’utile è tipica dei mercanti, l’amicizia fondata sul bene è tipica degli uomini virtuosi. Con poche persone si può trascorrere la vita in comune. L’amore coniugale è possibile per una sola persona, una forte amicizia è possibile solo verso pochi. Chi pretende di essere amico di tutti, in realtà, non è amico di nessuno.

6. La fine dell’amicizia

Quando due amici non trovano più l’uno nell’altro ciò che cercano, la loro amicizia ha termine. Questo è ovvio nel caso delle amicizie basate sul piacere e sull’utile; quando però l’amicizia è fondata sulla virtù, la sua rottura può avvenire solo quando uno dei due amici rimane fermo allo stesso livello, mentre l’altro progredisce sulla strada della virtù, oppure quando gli amici di un tempo diventano stabilmente cattivi. Se però la loro malvagità può essere corretta, non bisogna abbandonarli, ma sforzarsi di ricondurli alla virtù.

7. L’uomo virtuoso ama se stesso

L’uomo virtuoso ama se stesso, l’amicizia per il prossimo affonda le proprie radici nell’amore che si ha per sè. L’amico viene considerato un altro se stesso, e vengono a lui estesi i sentimenti di amore che si hanno per sè. L’uomo virtuoso gioisce nel contemplare la virtù dell’amico, perchè la sente come propria. Gli uomini cattivi invece non sono amici di se stessi, e quindi non possono provare amicizia per nessun altro. I cattivi cercano di trascorrere del tempo con altre persone solo per fuggire da se stessi: se rimangono soli sono tormentati dal ricordo dei loro crimini passati e di quelli che faranno; la persona buona, al contrario, prova piacere nello stare da sola, pensando ai propri ricordi e alle proprie aspettative.

In conclusione…

Se si rendesse esplicito il patto di amicizia che si stringe con qualcuno, si eviterebbero molti problemi e incomprensioni e si eviterebbe di sentirsi ingannati.

 

Rivelazioni.com su Facebook



SEND THIS ECARD

Questo video appartiene alla categoria:

Riflessioni